Intervista a Masashi Kishimoto

Qui è riportata in versione integrale un’intervista condotta dalla rivista Shonen Jump americana fatta all’autore di Naruto in persona, Masashi Kishimoto!
Che tipo eri quando frequentavi le scuole elementari e superiori?
Avevo manga per la testa ed ero costantemente a disegnare o a fare i compiti. In poche parole, un piccolo marmocchio.
In che modo crescere in un contesto rurale ha influenzato i tuoi manga, o in generale la tua personalità?
Questa è una storia ambientata in un posto tranquillo e rilassato, molto lontano dalla società capitalista. La mia personalità è allo stesso modo molto tranquilla, ed è per questo che spesso affronto apertamente le miei difficoltà con i manga.
Ho sentito che tu eri un grande fan di Dragon Ball e Dr. Slump di Akira Toriyama. Qual era la tua storia preferita di Dragon Ball? O, se preferisci, chi era il tuo personaggio preferito?
Mi piacciono tutte le storie sino alla prima comparsa di Freezer. Il mio personaggio preferito è Crili, perchè ha i sentimenti più “umani”, e io penso veramente di somigliarli.
Quando eri giovane, fosti attaccato da alcune scimmie. Puoi dirci di più su questa esperienza?
Calpestai accidentalmente una giovane scimmia, e il maschio alfa del gruppo e la madre della scimmia mi attaccarono. Da allora, ebbi sempre paura delle scimmie. Ma adesso, ripensando all’incidente, credo che il sentimento protettivo delle scimmie è lo stesso che avrebbe avuto un uomo.
Tu sei cresciuto vicino a una base militare, e i ninja di Naruto funzionano proprio come una forza militare, con disciplina e allenamenti. Ti piacciono i militari? E hai mai considerato di far parte della Japanese Self-Defense Force (JSDF)?
Veramente non mi sono mai considerato entusiasta dei militari. Dove sono cresciuto non c’era effettivamente una base militare, dato che il Giappone non ha un corpo militare, ma soltanto una forza di auto-difesa. Quello che ho fatto è stato usare il terreno d’allenamento della JSDF come riferimento, e in più prendere nota del Mossad e del SAS [entrambi dei servizi segreti]. Non ho mai voluto far parte della JSDF, ho sempre voluto disegnare manga.
Ho sentito che ti sei ispirato molto anche ad Akira, l’anime, e il manga di Katsuhiro Otomo. Perchè proprio questo? E cosa ti ha ispirato?
Considero Akira (1988) il primo anime Giapponese ad aver usato uno stile fresco. A differenza di altri lavori di quel periodo, il design dei personaggi, le linee, e la storia erano molto verosimili, come lo era anche il manga. Anche gli sfondi erano molto dettagliati, e il semplice numero di informazioni che l’arte portava era incredibile. Era un anime davvero bello. Penso che questo sia anche il motivo del perchè gli anime divennero così famosi anche negli Stati Uniti. Avevo diverse storyboard per Akira quando avevo 14 anni, e ricordo di averle ricopiate costantemente.
Come era frequentare una scuola d’arte? Qual è stata la cosa più utile che hai imparato lì?
Mi sono esrcitato nell’utilizzo dei gessi e nel disegno del corpo umano per migliorare le mie abilità come disegnatore. Ho imparato anche il disegno grafico, e l’applicazione del colore, e della prospettiva. Scrivere Manga è ancora una forma d’arte che puoi anche imparare da solo.. questa è la cruda realtà dell’industria manga giapponese. Sebbene ciò che imparai alla scuola d’arte fu molto utile, avevo abilità nel disegno e nella prospettiva prima d’iniziare questa scuola. Così, andare alla scuola d’arte fu per me più d’un passo indietro.
Come è stato essere “allenato” per diventare un mangaka professionista per il settimanale Shonen Jump? Che genere di cose hai imparato?
Certamente, una cosa importante per un mangaka è saper disegnare bene, ma è ugualmente importante essere in grado di scrivere una buona storia. Faccio diverse cose da solo, dall’evoluzione dei personaggi agli sfondi. In più, è anche importante ricevere consigli dall’editore, ma credo che avere un buon editore che ti fa da supporto sia la chiave del successo.
Da giovane giocavi a baseball, e a un certo punto hai considerato l’idea di scrivere un manga su questo sport. Segui ancora il baseball? Se sì, qual è la tua squadra preferita?
Adoro giocare a baseball, ma non mi piace molto guardarlo. Non ho una squadra preferita in Giappone. Se in Giappone ci fossero in serie A squadre impressionanti come quelle americane, potrei avere un squadra per cui tifare.
Ho sentito che sei un fan delle storie di avventura giapponesi. Ti piacciono i chanbara [film sui combattimenti di spada ambientati nel periodo feudale giapponese] e le fiction storiche?
Mi piacciono i chanbara, ma i recenti film chanbara non hanno le stesse cose di quelli più vecchi, e non sono un fan di quelli recenti. Spero emerga un nuovo regista in gamba che faccia un film chanbara fantastico (in Giappone, questo genere di film è solitamente diretto dai registi più anziani, ed è difficile per un giovane regista con idee fresche essere accettato dalla vecchia scuola cinematografica giapponese).
Specialmente nei primi anni ‘80, i ninja sono diventati molto popolari nei film e nei fumetti americani. Sei stato ispirato da qualche storia ninja americana?
So qualcosa riguardo la popolarità di Sho Kosugi [star di diversi film d'azione] durante quel periodo, come so anche delle Tartarughe Ninja. Sono felice, dalla prospettiva di qualcuno giapponese, di vedere questo nuovo modo con cui i ninja sono recepiti in America. Nonostante abbia sentito che ci sono persone che affermano che la mitologia ninja sia andata distrutta per questo motivo.
Questo potrebbe essere un preconcetto americano, ma quando penso a dei ninja, penso a delle persone che indossano vestiti completamente neri, di solito con maschere. Ma i ninja di Naruto sembrano interamente differenti da questo vecchio stereotipo. Come te ne sei uscito con l’interessante “Konoha Style” dei ninja in Naruto?
Se avessi creato un mondo che ricicla i tradizionali concetti dei ninja alla fine sarebbe stato identico a tutti gli altri manga sui ninja. Volevo creare un mondo ninja diverso, con qualcosa di nuovo, perciò ho completamente ignorato tutte le nozioni su come un ninja dovrebbe essere. Inoltre, Naruto è un ninja biondo che indossa una tuta arancione, che in teoria fa parte di un villaggio militare segreto. Un ninja fuori come lui non potrebbe mai esistere. (ride)
I samurai hanno pressochè la stessa fama dei ninja, e nella cultura popolare, in qualche modo, sembrano l’opposto dei ninja.. tutt’altro che furtivi. C’è qualche samurai forte nel mondo di Naruto, o sono i ninja a detenere in maniera schiacciante il potere in questo mondo?
Ho diversi personaggi samurai: Zouri e Waraji (benchè questi siano una specie di samurai un po’ imbranati). Ma ci sono sin troppi manga sui samurai fuori di qui, perciò per restare originale, continuerò con le storie sui ninja.
Il personaggi di Jiraiya, che appare in Naruto, è basato su un ninja leggendario. Ci sono altre leggende che hanno ispirato altri personaggi?
Jiraiya è uno dei pochi personaggi ispirati dalle leggende; gli altri sono tutti originali.
Il tuo lavoro sembra avere l’influenza di fiction scientifiche. Parlando approssimativamente, qual è il livello tecnologico raggiunto nel mondo di Naruto?
In effetti, il mondo di Naruto non è poi così diverso da quello nostro. La tv, i frigoriferi e l’aria condizionata esistono in quel mondo. L’unica eccezione sono le armi esplosive, che ho deciso di collocare in un era precedente. E’ per questo che non vedete armi da fuoco nel mondo di Naruto.
In molti manga della Shonen Jump i nomi dei personaggi sono giochi di parole, quindi potresti spiegarci alcuni giochi di parole coi nomi di Naruto? So che Naruto si riferisce alla spirale di pesce nel ramen [il suo piatto preferito]… Ma ho anche sentito parlare di un posto vicino al Mar di Giappone chiamato Naruto Uzumaki (i mulinelli del fiume Naruto), proprio come il nome e il cognome del protsgonista.
Gli Uzumaki (mulinelli) vanno molto in Giappone. La filosofia del settimanale Shonen Jump riguardo all’assegnare i nomi ai personaggi è di creare un nome che i lettori possano facilmente associare al personaggio con giochi di parole e prese in giro.
Come ti è venuta in mente l’idea del chakra nel mondo di Naruto? Ti interessa il misticismo indiano?
Effettivamente non ho interesse per il misticismo indiano. Avevo bisogno di un aggancio per collegare quei punti nella storia avrebbero usato poteri che vanno oltre le possibilità umane. Il termine è chakra, che p usato per far meglio capire ai lettori l’uso del potere. E’ simile a “la Forza” in Star Wars, o all’aura (chi, aka ki) in Dragonball, o ai “punti magia”nei GdR.
Come hai creato le posizioni delle mani nel mondo di Naruto?
In alternativa al classico metodo di evocazione di incantesimi, come nei GdR, i ninja utilizzano anche le posizioni delle mani.
In Naruto, la rana sembra essere associata a Naruto. Inoltre, in un precedente disegno hai associato il serpente a Sasuke, e la lumaca con Sakura. Perchè colleghi questi animali a questi personaggi? E in Giappone i ninja sono associati alle rane?
Quando parli di ninja, parli automaticamente di rane. C’è un manga sui ninja il cui protagonista è “Hattori-kun,” che (per ironia della sorte) detesta le rane, quindi il collegamento tra ninja e rane è molto stretto [nella cultura popolare giapponese, le rane sono considerate animali magici, e l'olio ricavato dalla pelle delle rane è una pomata tradizionale per ferite e altri disturbi]. Il trio di serpente, lumaca e rana viene dalla mitologia giapponese. Il serpente è più forte della rana, la lumaca è più forte del serpente, ae la rana è più potente della lumaca, facendo così una specie di “sasso, carta, forbici”. Questi tre sono chiamati collettivamente “Sansukumi”.
Cosa ti ha ispirato a fare una storia su un demone volpe? Cosa ti ha interessato delle kitsune (volpi)?
Perchè la kitsune (volpe), in particolare la kyubi no yôko (il demone della volpe a nove code), è considerato una delle più potenti bestie soprannaturali.
Qual è la relazione tra Naruto e il demone della volpe? Il demone della volpe fu ucciso e si è poi reincarnato nel corpo di Naruto, o fu sigillatonel neonato Naruto senza morire? Ci sono due anime nel corpo di Naruto, in senso mistico, o è più come due personalità, in senso psicologico?
Il demone della volpe è stato sigillato vivo nel corpo di Naruto. Questo perchè il demone della volpe non poteva essere ucciso, perciò non ci fu nessuna scelta se non quella di sigillarlo da qualche parte. Probabilmente… ci sono due personalità in Naruto.
Ricevi più lettere da ammiratori maschi o femmine? Ai ragazzi e alle ragazze piacciono cose diverse della serie?
Le lettere sono tipicamente scritte dalle ragazze, come se volesse dire che “i ragazzi non scrivono lettere.” Ciirca il 90% sembrano venire dalle ragazze, anche se si suppone che la maggior parte dei lettori sia composta da ragazzi. E’ come quando io leggevo il settimanale Shonen Jump da bambino, e apparentemente è lo stesso oggi.
Naruto e Sasuke si baciano (accidentalmente) nel primo capitolo quando si trovano faccia a faccia. Questo ha contribuito a incrementare la loro rivalità?
Non l’ho fatto per nessun motivo particolare, se non per sorprendere i lettori. L’ho fatto perchè pensavo che non ci fosse mai stato un manga in cui due rivali si baciano. In più, attraverso questo incontro, è stato più facile impostare il triangolo d’amore: Sakura, che ha lasciato intendere di voler essere la prima a baciare Sasuke, è stata derubata di questo momento dal rivale Naruto. Sasuke e Naruto sono rivali, quindi ciò ha ulteriormente apportato tensione.
Ci sarà mai un adattamento a manga del romanzo scritto da Jiraiya e letto da Kakashi, Ichalcha Paradise [Il Paradiso della Pomiciata]?
MAI.
Per finire, che consiglio daresti a quei tuoi fan che sono interessati a diventare degli artisti da soli?
Per creare manga non basta disegnare bene, serve anche scrivere una buona storia. Fate in modo che disegni e storia siano reali, e non potrete perdere. Inoltre, guardate un sacco di buoni film Hollywoodiani. Chi viaggia contro l’industria dell’intrattenimento è solo una mente poco aperta.


Traduzione a cura di: Lupo